Segna Damonte, debutto ok in Coppa!

By on 4 Agosto 2019

 

GOZZANO – RENATE 0-1

GOZZANO (4-2-3-1): Crespi; Tumminelli, Emiliano, Barnofsky, Di Giovanni; Guitto, Palazzolo (29′ st Secondo); Concas, Rolle (29′ st Spina), Tomaselli (19′ st Fasolo); Pozzebon (29′ st Barreto). A disposizione: Gilli, Lorenzo, Salvestroni, Mutti, Bruzzaniti, Vono, Rizzo, Zucchetti. All. Sassarini

RENATE (3-4-2-1): Stucchi; Marchetti (14′ Guglielmotti), Magli, Possenti; Anghileri, Damonte, Rada (25′ st Pavan), Pizzul; Galuppini (25′ st Kabashi), Grbac (11′ st Militari); Maritato (25′ st Plescia). A disposizione: Stucchi, Teso, Baniya, Confalonieri, Pelle. All. Diana

ARBITRO: Sig. Cherchi di Carbonia (Sig. Abagnale di Parma – Sig. Regattieri di Finale Emilia)

RETE: 6′ st Damonte

NOTE: Giornata calda e soleggiata, terreno di gioco in erba sintetica. Nessun giocatore espulso, ammoniti Tumminelli (G), Pizzul (R). Calci d’angolo: 5-4 Gozzano. Recupero: 2′ pt + 3′ st. Spettatori: 250 circa.

VERCELLI – Vince al debutto stagionale in Coppa il nuovo Renate di Aimo Diana, che al “Piola” di Vercelli piega di misura il Gozzano grazie all’acuto di Loris Damonte. Molto positiva la prima uscita nerazzurra, con il successo di fatto mai in discussione. Ora le pantere affronteranno il Como domenica 18 agosto.

Tra gambe imballate dalla preparazione ed il caldo intenso, il match parte su ritmi piuttosto blandi, anche se le occasioni sono tutte di marca brianzola. Al 7′ ci prova Galuppini dal limite, palla sul fondo di un metro abbondante. Al 13′ infortunio per Marchetti, che deve lasciare il campo a causa della lussazione della spalla destra. Al suo posto il vercellese doc Guglielmotti, che al 18′ da posizione favorevolissima non inquadra lo specchio. Ancora l’esterno sugli scudi al minuto 38, ma il suo tiro-cross termina tra le braccia di Crespi. Ancora Renate due giri di lancette dopo: bella la punizione calciata da Galuppini, sfera che sibila il palo e che certifica lo 0-0 al riposo.

Al rientro in campo, ci vogliono solo sei minuti per incanalare il match sui binari più consoni. Barnofsky perde palla in uscita, Damonte (in foto) gliela sradica e poi pesca l’angolo più lontano sull’uscita del portiere. È la rete che decide il match e che rafforza le certezze nerazzurre. Il possesso palla manda fuori giri l’undici cusiano, che non riesce mai a creare i presupposti per andare ad impattare se non al 20′, quando Concas batte Satalino ma da posizione ampiamente irregolare. La più bella azione della ripresa arriva al 38′, quando il filtrante di Kabashi pesca Damonte, il quale prova il pallonetto (palla alta) a discapito del comodo assist per un solissimo Plescia. Prima del triplice fischio Militari centra una clamorosa traversa dai 25 metri, ed un Renate che meriterebbe almeno il raddoppio si deve accontentare della zampata di Damonte, che rimanda il discorso qualificazione al 18 agosto…