Scappa il Renate, ma il Piacenza lo riprende…

By on 1 Novembre 2020

 

PIACENZA – RENATE 3-3

PIACENZA (4-3-1-2): Vettorel; Simonetti, Battistini, Bruzzone, Visconti; Corbari, Palma (28′ st Lamesta), Galazzi (14′ st Babbi); Gonzi (46′ st Saputo); Ghisleni (14′ st Pedone), Villanova (1′ st Maritato). A disposizione: Stucchi, Renolfi, Miceli, D’Iglio, Pedone, Corradi, Losa, Ballarini. All. Lunardon (indisponibile mister Manzo).

RENATE (3-5-2): Gemello; Merletti, Silva, Possenti; Anghileri, Marano, Ranieri, Rada, Esposito (43′ st Damonte); Galuppini (26′ st Giovinco), Maistrello (26′ st Sorrentino). A disposizione: Bagheria, Marafini, Santovito, Fischetti, Lakti, Confalonieri, De Sena, Guglielmotti. All. Diana

ARBITRO: Sig. Crezzini di Siena (Sig. Poentini di Pesaro – Sig. Teodori di Fermo; Sig. Baratta di Rossano

RETI: 14′ Anghileri (R), 29′ Corbari (P), 37′ rig., 40′ Galuppini (R), 30′ st, 42′ st Gonzi (P)

NOTE: Giornata serena con temperatura mite, pesanti banchi di nebbia nella ripresa. Terreno di gioco in ottime condizioni. Espulso Bruzzone (P) al 39′ st per somma di ammonizioni, ammoniti Visconti e Simonetti (P), Silva e Galuppini (R). Corner: 3-2 Piacenza. Recupero: 1′ st + 5′ st

PIACENZA – Il primo pareggio stagionale ha un retrogusto amaro per le pantere, che avanti di due reti all’intervallo, non chiudono i conti nella ripresa e vengono riacciuffati a 3′ dalla fine da Gonzi, a dir poco decisivo nei 15′ conclusivi. Renate che sembrava in totale controllo alla mezzora della ripresa, ma poco lucido dopo il gol del 2-3 che ha rimesso rocambolescamente i biancorossi in partita.

Mister Diana vara il 3-5-2 con Silva (uno dei tanti ex assieme a Galuppini, Stucchi, Palma e Maritato) al centro di una difesa in cui è Damonte a rifiatare. Si rivedono dal 1′ anche Merletti e Marano, mentre davanti è Maistrello ad affiancare bomber Galuppini. Piacenza per 10/11 uguale a quello capace di passare di slancio a Lecco, con Corradi non al meglio e confinato in panchina.

Subito ritmi alti al “Garilli”, Renate carico e propositivo, capace di sbloccarla al 14′ da palla inattiva. Il corner di Ranieri viene allontanato dalla difesa, bravissimo capitan Anghileri dal limite a trovare col destro il pertugio vincente. Sfera che dà un bacio al palo, 0-1 nerazzurro. Piacenza colpito ma subito in grado di rialzare la testa ed affidarsi alla verve dei giovani Galazzi e Visconti, da cui scaturiscono cross molto pericolosi. E proprio al 28′, da un traversone del terzino di casa, ecco il pareggio piacentino firmato di testa da Corbari. Tutto da rifare per gli uomini di Aimo Diana, capaci però di guadagnarsi nuovamente l’inerzia del match nell’ultimo quarto d’ora della frazione. Al 36′ Marano calcia verso la porta, Visconti intercetta con una mano e per Crezzini non ci sono dubbi. Galuppini spiazza Vettorel e firma il secondo vantaggio di giornata. Il 14 nerazzurro poi è semplicemente superlativo 2′ dopo. La punizione dai 30 metri è da antologia, palla nel sette e Renate a “+2” sui biancorossi. All’intervallo le pantere possono lucrare un prezioso doppio vantaggio.

Al rientro in campo c’è subito spazio per Maritato (bentornato in campo Pier!) al posto di Villanova. Ci si aspetta il veemente forcing di casa, ma a conti fatti non si registrano occasioni pericolose, con Renate a gestire senza però affondare il colpo. Episodio dubbio, molto dubbio al 24′. Galuppini lancia Maistrello, che in area prende bene posizione e viene sbilanciato da Bruzzone. Stavolta Crezzini non concede la massima punizione che avrebbe potuto fungere da punto esclamativo sul match. Mister Diana cambia i riferimenti offensivi con gli inserimenti di Giovinco e Sorrentino, Lunardon sul versante opposto gioca la carta Lamesta, che si rivelerà vincente. Suo alla mezzora il cross mancino per l’incornata in tuffo di Gonzi, con azione nata da una sanguinosa palla persa nerazzurra. Piacenza che torna a crederci, ma che al 39′ sembra nuovamente sul punto di crollare, quando Bruzzone stende Giovinco guadagnandosi la doccia anticipata. Le pantere non riescono più a mantenere il possesso palla, e su un cross fotocopia di Lamesta, il più svelto è ancora Gonzi, per l’insperato 3-3. Recupero con le pantere disperatamente a caccia del gol-vittoria, ma al 49′ il destro a botta sicura di Giovinco sorvola la traversa. Un punto a testa tra Piacenza e Renate, ma sono i brianzoli a mangiarsi le mani…