La Pianese scappa, Baniya ed il Renate la riprendono…

By on 17 Novembre 2019

 

RENATE – PIANESE 1-1

RENATE (3-4-1-2): Satalino; Baniya, Damonte, Possenti; Guglielmotti, Ranieri, Militari (36′ st Rada), Anghileri (13′ st Maritato); Grbac (28′ st Kabashi); Galuppini, De Sena (28′ st Plescia). A disposizione: Stucchi, Teso, Magli, Pizzul, Pelle, Marchetti. All. Diana

PIANESE (4-3-1-2): Fontana; Regoli, Cason, Gagliardi, Seminara; Benedetti G. (36′ st Carannante), Simeoni, Figoli; Catanese; Udoh (36′ st Rinaldini), Momentè. A disposizione: Sarini, Ambrogio, Benedetti Lo., Bianchi, Benedetti Lu., Scarlino, Montaperto. All. Masi

ARBITRO: Sig. Delrio di Reggio Emilia (Sig. Franco di Padova – Sig. Munerati di Rovigo)

RETI: 30′ Figoli (P), 20′ st Baniya (R)

NOTE: Giornata fredda con intense precipitazioni piovose. Nessun espulso, ammoniti Militari (R), Cason, Momentè (P). Calci d’angolo: 11-3 Renate. Recupero: 1′ pt. + 5′ st. Spettatori: 200 circa.

MEDA – La Pianese rallenta le pantere. Continua l’astinenza di successi casalinghi – ultimo il 13 ottobre con il Gozzano – per la formazione brianzola, che va sotto nel primo tempo ma ha il merito di non mollare e di recuperarla a metà ripresa con il primo centro tra i “grandi” di Rayyan Baniya. Non basta il grande volume di gioco, perché su un campo pesantissimo, proporre lo stesso calcio era mission impossible. Nerazzurri che ai punti avrebbero meritato ampiamente il successo, ed invece, al “Città di Meda” va in scena il terzo pareggio consecutivo che ci proietta a quota 27.

Inedita la sfida contro il club di Piancastagnaio (Siena), al primo anno tra i Pro e chiamato ad ottenere il traguardo salvezza. Gara non facile quella contro i bianconeri toscani, già a bersaglio in Lombardia sui campi di Giana e Lecco. Aimo Diana sceglie lo stesso undici iniziale di Lecco, un 3-4-1-2 cn Grbac a supporto della coppia Galuppini-De Sena. A disposizione in panchina Kabashi e Rada, assenti sette giorni fa nel successo sui blucelesti. Pianese in campo con il 4-3-1-2: assente Dierna per squalifica. al suo posto c’è Cason al centro della difesa. Torna dal 1′ Udoh, che sarà spalla di un Momentè a dir poco decisivo con una doppietta nella vittoria di domenica scorsa ai danni della Pergolettese.

Buona la partenza della Pianese, che con la rapidità di Udoh prova a creare scompiglio. Anche il campo rappresenta un’incognita da tenere in considerazione, con Satalino che al 7′ quasi si fa scavalcare da un rimbalzo nel cuore dell’area di rigore. Al 12′ le pantere mettono la testa fuori dal guscio. cross di Anghileri da sinistra, colpo di testa di Grbac che si perde un paio di metri alla sinistra di Fontana. Ed è ancora con gli esterni che il Renate crea superiorità e va vicino al vantaggio al 22′. Guglielmotti da destra pesca Anghileri, il cui destro al volo viene respinto brillantemente da Fontana. nel miglior momento nerazzurro, passano i bianchi senesi. Il traversone da sinistra di Seminara arriva sul palo lontano, capitan Anghileri perde l’appoggio e spiana la strada a Figoli, che da pochi passi buca Satalino. Doccia gelata per le pantere, che al 32′ rischiano addirittura di subire il raddoppio. Baniya e Satalino non si capiscono, Momentè si infila tra i due e a calcia, trovando la deviazione dell’estremo difensore ed il conseguente corner. Sul ribaltamento di fronte, improvvisa fiammata di Grbac, che va in progressione solitaria prima di scaricare un potente destro che sorvola di poco la traversa. Pochi minuti dopo, ci prova anche Ranieri: destro secco e di pregevole intenzione dal limite, si salva la Pianese. Renate sfortunato anche in pieno recupero, quando sulla splendida punizione di Galuppini, Fontana in qualche modo salva la “baracca” bianconera, prima del corner che si conclude con il sinistro (sul fondo) a botta sicura di Guglielmotti. Pianese avanti a metà gara.

La ripresa vede il Renate faticare, più del previsto. La manovra nerazzurra non è incisiva, la Pianese rimane molto ben disposta ed organizzata in campo, pronta ad agire in ripartenza. Diana ci ragiona su, dentro anche Maritato per un assetto a trazione anteriore. E’ una sorte di 4-2-4 con Galuppini e Grbac laterali, De Sena e appunto Maritato a completare il super pacchetto offensivo. Al 20′, i padroni di casa la rimettono a posto. Insistita l’azione nerazzurra con Damonte che dal limite predilige il piattone, Fontana non trattiene e come una furia Baniya insacca, per il primo gol in Serie C. Ora il Renate mette nel mirino l’ottavo successo, ma bisogna fare attenzione perché la Pianese, seppur in difficoltà rispetto ai primi 45′, non ha la minima intenzione di lasciare il bottino pieno. pantere che attaccano a testa bassa e collazionano angoli a ripetizione, ma il muro senese non crolla. il cronometro corre troppo velocemente per la formazione di Aimo Diana, a cui non manca tanta generosità, ma piuttosto una chance limpida e concreta per operare il sorpasso definitivo. Finisce 1-1 tra Renate e Pianese, un pareggio che consente comunque alle pantere di conservare il secondo posto in classifica. Prossimo impegno, sabato pomeriggio (ore 15:00) sul campo della Pro Vercelli.