Renate col “fattore G”, tre punti di forza a Lecco!

By on 10 Novembre 2019

 

LECCO – RENATE 0-2

LECCO (3-4-1-2): Safarikas, Merli Sala, Bastrini, Procopio; Carissoni, Bobb (35′ st Nacci), Moleri (28′ st Scaccabarozzi), Pastore; Strambelli (27′ st D’Anna); Capogna (40′ st Negro), Giudici (35′ st Fall). A disposizione: Bacci, Magonara, Vignati, Marchesi, Chinellato, Lisai, Maffei. All. D’Agostino

RENATE (3-4-1-2): Satalino; Baniya, Damonte, Possenti; Guglielmotti, Ranieri, Militari, Anghileri; Grbac (44′ st Plescia); Galuppini (38′ st Teso), De Sena (23′ st Maritato). A disposizione: Stucchi, Magli, Pizzul, Confalonieri, Pelle, Marchetti. All. Diana

ARBITRO: Sig. Cascone di Nocera Inferiore (Sig. Ferrari di Rovereto – Sig. Lazzaroni di Udine)

RETI: 26′ st Guglielmotti, 29′ st Galuppini

NOTE: Giornata fredda con cielo sereno, terreno di gioco in erba sintetica. Nessun espulso, ammoniti Moleri, Pastore, Strambelli, Nacci (L), Galuppini, De Sena, Baniya (R). Calci d’angolo: 3-1 Renate. Recupero: 0′ pt + 6′ st. Spettatori: 2300 circa.

LECCO – Nitido e meritato successo per le pantere, che dopo tre pareggi consecutivi tornano a quei tre punti che mancavano dal 13 ottobre (3-0 al Gozzano). Nerazzurri praticamente sempre padroni del campo, ma chirurgici nel punire i blu-celesti nel cuore della ripresa. A colpire, ancora una volta il “fattore G”: apre Guglielmotti, chiude i battenti il solito Galuppini. Renate che torna al secondo posto.

Otto anni o poco meno da quel 16 novembre 2011 in cui Lecco e Renate si affrontarono per l’ultima volta in un campionato professionistico. Al “Rigamonti-Ceppi” torna una sfida che aveva caratterizzato i primi passi in C delle pantere nerazzurre, determinate a riprendere il feeling con i tre punti dopo la serie ravvicinata di “X” contro Novara, Monza e Robur Siena. Due assenze pesanti a centrocampo per mister Diana, privo di Kabashi e Rada colpiti da un virus influenzale. È una sorta di 3-4-3 quello del Renate, con Galuppini e Grbac che si allargano e lasciano il ruolo di prima punta a De Sena, alla prima da titolare in campionato. A metà campo, in coppia con Ranieri c’è Militari.

Partenza convinta e convincente per le pantere, che nei primi 10′ costruiscono a ripetizione. Al 6′ il colpo di testa di Galuppini e bloccato senza problemi da Safarikas, al 10′ il destro di capitan Anghileri sibila il palo e si spegne sul fondo. La risposta dell’undici di D’Agostini si manifesta 60″ sul potente ma impreciso destro di Capogna. È di fatto questa l’unica conclusione lecchese verso i pali difesi da Satalino. Match che rimane saldamente nelle mani nerazzurre, anche se manca un pizzico di incisività negli ultimi 16 metri. Dopo una fase centrale equilibrata, sul finire di frazione il Renate alza i giri del motore, tornando a farsi minaccioso. Al 30′ Safarikas è reattivo sull’esterno destro ravvicinato di Ranieri, sugli sviluppi del successivo corner Militari calcia benissimo al volo, ma sulla respinta del numero uno di casa si alza la bandierina di Ferrari. Prima dell’intervallo anche Guglielmotti cerca fortuna (senza trovarla) dalla distanza, ma è 0-0 alla pausa lunga.

Al rientro in campo, il Renate mostra compattezza e grande voglia di vincere, dominando i secondi 45′. Galuppini al 3′ cerca l’incrocio dei pali con il sinistro, sfera out di un soffio. Lecco che arretra e resta in balia delle pantere, che con pazienza trova i tempi giusti e le giocate giuste per scardinare la retroguardia blu-celeste. Dopo il brivido corso all’11’ sulla staffilata dal limite di Bobb, il Renate schiaccia sul gas e nel giro di tre minuti fa suoi i meritatissimi tre punti. Al 25′ sontuosa giocata di Grbac, che dal fondo serve un “cioccolatino” per la testa del solito Guglielmotti. Palla all’incrocio, 0-1. Tre minuti dopo il raddoppio che sigilla il blitz. Galuppini con un paio di finte “manda al bar” la difesa, poi con il destro fulmina Safarikas per il sesto centro in campionato. Tanto nervosismo e giocate “ruvide” nel finale, ma con maturità e lucidità le pantere non corrono alcun rischio, balzando a quota 26 e riprendendo quel secondo posto sfumato solo sette giorni fa. Domenica Renate di scena al “Città di Meda” per l’inedita sfida contro la matricola Pianese.