Le pantere si regalano un debutto da urlo!

By on 16 settembre 2018

 

SAMBENEDETTESE – RENATE 0-2

SAMB (4-3-3): Sala; Rapisarda, Miceli, Zaffagnini, Cecchini; Gelonese, Bove (8′ st Gemignani), Signori; Calderini (16′ st Di Massimo), Stanco (32′ st Minnozzi), Russotto. A disposizione: Pegorin, Di Pasquale, Kernezo, Rinaldi, Demofonti, Rocchi, Islamaj, De Paoli. All. Magi

RENATE (3-5-2): Cincilla; Priola, Teso, Vannucci; Guglielmotti (4′ st Caccin), Simonetti (35′ st D’Alena), Doninelli, Piscopo (27′ st Rada), Frabotta (27′ st Saporetti); Gomez (35′ st Venitucci), Spagnoli. A disposizione: Romagnoli, De Stefano, Pattarello, Florindo, Finocchio, Rossetti. All. Brevi

ARBITRO: Sig. Bitonti di Bologna (Sig. Cavallina – Sig. Pappalardo di Parma)

RETI: 29′ Gomez, 43′ Piscopo

NOTE: Giornata calda e soleggiata, terreno di gioco in buone condizioni. Nessun giocatore espulso, ammoniti Di Massimo (S), Rada, Frabotta (R). Calci d’angolo: 6-2 Samb. Recupero: 0′ pt + 5′ st. Spettatori: 4.500 circa.

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Eccellente avvio di campionato per le pantere, che vincono con autorevolezza e pieno merito al “Riviera delle Palme”. Non era facile passare sul campo di una delle big del girone B, ma il Renate ci è riuscito in virtù di un primo tempo senza sbavature, e con un secondo tempo di oculata gestione. Gomez e Piscopo inchiodano la Samb in meno di 15′, per i primi tre, fondamentali punti stagionali.

Mister Brevi, senza Pavan e Anghileri, opta per il 3-5-2 già visto nell’interminabile precampionato, con Doninelli in cabina di regia a centrocampo e Cincilla che vince il ballottaggio con Romagnoli tra i pali. I restanti 9/11 sono gli stessi visti nel 3-0 riservato 8 giorni fa al Novara. Mister Magi invece sceglie il 4-3-3 con Calderini e Russotto ai lati di Stanco, Bove nel ruolo di play “scortato” da Gelonese e Signori.

Che il Renate voglia vincere lo si capisce dal 2′, quando Piscopo è il primo a provare a calciare verso lo specchio di porta, senza inquadrarla. Dal corner successivo del dieci nerazzurro, la volée di Spagnoli (prestazione a tutto tondo per lui) termina di poco alta. Scossa Samb al minuto 8; rapidissima la ripartenza di Calderini, ma il destro in corsa di Russotto vola altissimo. Brianzoli ordinati, corti e ben messi in campo, con più gamba e brillantezza. E quando gli uomini di Magi sembrano crescere, ecco il vantaggio. Simonetti nell’area piccola protegge alla grande la sfera e la scodella sul secondo palo, dove Gomez è libero di depositare di testa in rete. Tutto facile per il “Papu”, assist d’oro per la mezzala del Parma. Gol che spacca in due la Samb, che prima del riposo incassa il colpo decisivo. Piscopo ha fin troppa libertà, e dal limite scaglia un preciso destro che Sala non riesce nemmeno a sfiorare. Primo gol tra i Pro per l’italo-australiano, a dir poco imprendibile nei primi, esaltanti 45′ di gioco.

Ci si aspetta una reazione veemente dei marchigiani, ma al rientro in campo il Renate ha subito la chance di calare il tris. Piscopo lancia Spagnoli in campo aperto, l’ex Mestre prova a dialogare nuovamente con il compagno, ma è decisivo il tocco di Miceli, che facilita la presa di Sala. Un vero peccato per i nerazzurri, che hanno però il merito di non rischiare mai, anche abbassando il baricentro dopo la pausa lunga. Alla fine, Cincilla non viene mai impegnato seriamente, sinonimo di una squadra capace di soffrire assieme e darsi una mano a tutte le latitudini del campo. Poche le emozioni in un secondo tempo di placida gestione per le pantere. Positivo l’impatto di chi è subentrato dalla panchina, con mister Brevi che ha usufruito di tutti i cinque campi per “ossigenare” i suoi ragazzi.

Ci voleva un’impresa per strappare punti al “Riviera delle Palme”, ed impresa è stata. Ora però bisogna resettare in fretta e pensare alla prossima, difficilissima sfida, la prima stagionale al “Città di Meda” contro l’ambiziosissimo L.R. Vicenza.