Gran battaglia a Macerata, Silva riacciuffa il Matelica!

By on 23 Maggio 2021

 

MATELICA – RENATE 1-1

MATELICA (4-3-3): Martorel; Fracassini, Tofanari, De Santis, Di Renzo (29′ st Maurizii); Calcagni (29′ st Alberti), Pizzutelli (29′ st Mbaye), Bordo (29′ st Zigrossi); Volpicelli, Balestrero, Moretti. A disposizione: Minerva, Barbarossa, Santamarianova, Seminara, Ruani. All. Colavitto

RENATE (3-5-2): Gemello; Silva, Damonte, Possenti; Guglielmotti, Kabashi, Ranieri (43′ st Vicente), Rada (38′ st Lakti), Anghileri; Galuppini (24′ st Nocciolini), Maistrello. A disposizione: Bagheria, Giovinco, Langella, Santovito, Magli, Burgio. All. Diana

ARBITRO: Sig. Moriconi di Roma 1 (Sig. Piazzini di Prato – Sig. Ceolin di Treviso; Sig. Fiero di Pistoia)

RETI: 35′ st Mbaye (M), 41′ st Silva (R)

NOTE: Giornata calda con cielo coperto, terreno di gioco in ottime condizioni. Nessun espulso, ammoniti Bordo (M), Damonte, Ranieri, Possenti (R). Calci d’angolo: 9-6 Renate. Recupero: 0′ + 4′

MACERATA – Finisce ad armi pari il primo round tra Matelica e Renate, che si affrontano nel 1° turno della fase nazionale playoff. Dopo tre settimane dall’ultimo impegno ufficiale contro la Lucchese, le pantere (prive di Esposito, Marafini, Marano e Merletti) giocano un match solido e gagliardo. Matelica con più ritmo nelle gambe nei primi 45′, in cui è Gemello a salire in cattedra con due grandi parate su Volpicelli al 39′. Prima però i nerazzurri avevano costruito due nitide palle-gol: la prima al 26′ con Rada, che col destro non riesce a piazzare la sfera sul palo lontano, guadagnando un angolo da cui scaturisce il colpo di testa di Silva disinnescato da Martorel.

Nella ripresa i brianzoli giocano meglio e arrivano con maggior continuità nell’area biancorossa. Al 3′ gran salvataggio di De Santis su Rada, a tu per tu con Martorel dopo l’imbucata perfetta di Ranieri. Al quarto d’ora, corner di Kabashi spizzato da Silva, Possenti sulla riga non si aspetta l’impatto col pallone e manda alto. Le due occasioni più chiare arrivano tra il 24′ ed il 27′, ed in entrambe le circostanze il Renate pecca di cinismo sotto porta, non trovando la zampata vincente a due passi dell’estremo difensore. Chi non sbaglia purtroppo è Mbaye, che pochi minuti dopo l’ingresso in campo sfrutta l’uscita a vuoto di Gemello per appoggiare di testa in rete. La forza di questo gruppo però è quella di non mollare mai, e così al 41′ è festa sulla punizione tagliata di Kabashi, che Silva corregge di testa indirizzando il pallone sul palo più lontano. Meritato, meritatissimo 1-1 allo Stadio “Helvia Recina”: per il passaggio del turno è decisivo il match di ritorno, mercoledì (17.30) al “Città di Meda”.