Sardegna nerazzurra: dominio Renate alla Villasimius Cup!

vittoriaaa

By on 17 aprile 2017

 

VILLASIMIUS – Semplicemente straordinari. I Giovanissimi Regionali Professionisti 2003, dopo aver chiuso il campionato al 1° posto assoluto tra le compagini di Lega Pro, nel fine settimana contraddistinto dalla S. Pasqua hanno portato a casa un prestigioso trofeo dalla Sardegna. Il gruppo diretto dai mister Silvio Tribuzio e Fabio Fregonese, nella serata di ieri ha vinto con assoluto merito la seconda edizione della Villasimius Cup, manifestazione che comprendeva anche squadre di Serie A (Bologna, Cagliari, Udinese, Genoa, Roma, Torino e Napoli) e blasonate realtà straniere come i Rangers Glasgow e soprattutto il Benfica. Ebbene, in un weekend ai limiti della perfezione, i nostri ragazzi hanno demolito qualsiasi forma di concorrenza, sconfiggendo proprio il Torino in finale con il punteggio di 2-1. Un trionfo inaspettato per molti, ma che non può stupire chi segue il nostro settore giovanile, protagonista di una crescita costante ed inesorabile in tutte le annate.

Ma andiamo a riassumere il clamoroso successo dei 2003 nerazzurri, turno dopo turno!

Roma – RENATE 0-0

RENATE – Lugano 2-0 (Freddi, Eberini)

Genoa – RENATE 0-3 (Barbieri, Freddi, Russica)

RENATE – Castiadas 5-0 (Freddi, Eberini, Giussani, Cerasani, De Meo)

Semifinale: RENATE – Napoli 2-1 ai calci di rigore

Finale 1-2° posto: RENATE – Torino 2-1 (Freddi, Mento)

Il miglior marcatore della pantere nerazzurre è Renato Freddi, autore di 4 reti in 6 incontri, ma tutti i ragazzi hanno dato il loro notevole contributo ai fini del successo finale. Ricordiamo che il Renate è uscito imbattuto al termine della manifestazione, dove ha incontrato ben tre compagini della massima serie. Particolarmente significativa la finalissima disputata nella serata di ieri. Le panterine, dopo aver chiuso sotto 1-0 il primo tempo, nella ripresa hanno sfoderato una rimonta tutta cuore e attributi, ribaltando il Toro e colorando di nerazzurro il cielo sopra Villasimius! Congratulazioni a tutti; giocatori staff tecnico e dirigenti. Avanti così!