News Prima Squadra

Picture1

#RenateComo: Giornata Nerazzurra!

By on 24 aprile 2017

 

RENATE –  La società A.C. Renate s.r.l. comunica che, in occasione di Renate – Como, gara valevole per la 18^ giornata di ritorno del Campionato di Lega Pro per Unicef Girone A 2016/17, in programma sabato 29 aprile alle ore 16.30 allo Stadio “Città di Meda”, è stata indetta la Giornata Nerazzurra. Pertanto, per la gara in oggetto, non saranno validi abbonamenti, accrediti (se non agli organi di stampa) e tessere di alcun tipo di favore. Di seguito si riportano i prezzi dei biglietti che verranno emessi in occasione del match di sabato:

  • Tariffa family (riservata a dirigenti, giocatori e famiglie) : € 5,00
  • Tariffa Tribuna Centrale e Tribuna Laterale: € 10,00
  • Tariffa Tribuna VIP: € 25,00

Si comunica, inoltre, che a partire dalle 12.00 di oggi, lunedì 24 aprile, fino alle ore 19.00 di venerdì 28 aprile, sarà aperta la prevendita del match presso tutti i punti vendita BookingShow della Provincia di Como.

  • Renata Music, Via collegio dei dottori, 5 – Como
  • Rock Paradise, Via San Francesco, 3 – Mariano C.se (CO)
18076889_1216793911751354_1405723017120582659_o

Un Renate dal cuore immenso cade al “Moccagatta”

By on 22 aprile 2017

 

ALESSANDRIA – RENATE 1-0

ALESSANDRIA (4-4-2): Vannucchi; Celjak, Sosa, Piccolo, Barlocco; Marras, Cazzola, Branca, Iocolano (30′ st Nicco); Bocalon (14′ st Evacuo), Gonzalez (40′ st Rosso). A disposizione: La Gorga, Manfrin, Mezavilla, Piana, Fischnaller, Gozzi, Nava. All. Pillon

RENATE (4-3-3): Cincilla; Anghileri, Di Gennaro, Savi (29′ st Makinen), Schettino; Dragoni (38′ st Giorgi), Pavan, Palma; Mora, Florian (18′ st Santi), Scaccabarozzi. A disposizione: Merelli, Graziano, Malgrati, Bizzotto. All. Foschi

ARBITRO: Sig. Piscopo di Imperia (Sig. Imperiale di Genova – Sig. Magri di Imperia)

RETE: 20′ st Gonzalez

NOTE: Serata fresca con cielo sereno, terreno di gioco in condizioni perfette. Allontanato mister Foschi (R) al 42′ st per proteste, ammoniti Sosa, Branca, Nicco, Fischnaller  (A), Schettino, Anghileri, Scaccabarozzi (R). Calci d’angolo: 8-3 Alessandria. Recupero: 1′ pt. + 6′ st. Spettatori: 2700 circa.

ALESSANDRIA – Cade, ma con grandissimo onore il Renate. Sul campo dell’Alessandria, un lampo di Gonzalez al 20′ della ripresa consegna ai nerazzurri la seconda sconfitta consecutiva, che non compromette però il nono posto in classifica. Con una rosa decimata dalle assenze, i ragazzi di Foschi danno tutto quello che hanno, ma non riescono a strappare un risultato positivo che avrebbe avvicinato il traguardo playoff.

Penultima trasferta di regular season per la compagine diretta da Luciano Foschi, il grande ex di questa sfida. Il tecnico delle pantere deve però fare i conti con un’infermeria affollata: out Teso, Bonetto, Lavagnoli, Napoli e Marzeglia, con Malgrati in panchina ma di fato inutilizzabile. Rosa dunque contata, ma poco importa. Rispetto al match contro la Pistoiese, due novità nell’undici iniziale, ovvero sia Savi (al posto del già citato Malgrati) e Schettino (un altro ex al pari di Vannucchi), preferito a Vannucci sull’out di sinistra. Nel pacchetto difensivo c’è anche Mora, con il conseguente avanzamento di Anghileri nel tridente offensivo completato da Florian e Scaccabarozzi. In casa grigia, fa effetto – ma già lo si sapeva – il vuoto in Curva Nord, proprio nella serata dell’esordio di Bepi Pillon alla guida dell’ex capolista del girone A. L’esperto tecnico, già affrontato un anno fa a Padova, decide di non stravolgere l’assetto tattico. Confermato il modulo 4-4-2, con le uniche novità rappresentate da Sosa (e non Gozzi) nel cuore della difesa, e da Branca, preferito a Nicco come partner di Cazzola in mediana. Davanti, manco a dirlo, la super coppia Bocalon – Gonzalez, 37 reti in campionato.

Pronti via, e dopo 43”, il Renate ha subito un’occasionissima per sbloccarla. Sul lancio di Dragoni, Barlocco perde equilibrio e Mora, che mette al centro una palla invitante per Florian, il cui sinistro di prima intenzione termina alto. La risposta dei grigi non tarda ad arrivare, con la verticalizzazione di Cazzola per Gonzalez, che si infila tra i due centrali ma scaglia un sinistro troppo debole per far male a Cincilla. Alessandria che cerca di prendere in mano l’inerzia delle operazioni, e che al 10′ sfiora l’1-0 sugli sviluppi del primo calcio d’angolo del match. Gonzalez la mette sul primo palo per la testa di Bocalon, ma Cincilla non si fa sorprendere. La spinta degli uomini di Pillon cresce, e al 14′, su una palla letta in maniera imperfetta da Savi, Marras cerca di sorprendere Cincilla con un pallonetto dai 25 metri, ma è solo corner. Sul ribaltamento di fronte, Scaccabarozzi, con una giocata delle sue, pesca in area Mora, che con il destro scalda i guantoni di Vannucchi. Quando la gara sembra acquietarsi con il passare dei minuti, nei pressi della mezzora i grigi tornano prepotentemente in avanti, e al 27ì’ sprecano una buona palla-gol con Bocalon, che calibra male il destro nel cuore dell’area di rigore. Renate che soffre, come era facilmente prevedibile. Per rivedere i brianzoli in attacco bisogna pazientare fino al 37′, quando Scaccabarozzi, dopo aver ricevuto da Anghileri, scaglia un destro dal limite che Vannucchi respinge in qualche modo, non azzardando la presa. Di fatto, è l’ultima annotazione di un primo tempo che, malgrado un predominio della seconda forza del girone A, si chiude sul punteggio di 0-0.

Si riparte con gli stessi 22 protagonisti, e con lo stesso leit motiv: Alessandria che attacca alla ricerca del gol che accorcerebbe il divario in classifica dalla capolista Cremonese, attualmente a + 3. La chance buona si palesa quasi subito, al 5′. Iocolano riceve in area e crossa sul secondo palo per Celjak, il cui colpo di testa sbatte sulla traversa. Sembrano i prodromi di un altro incessante forcing grigio, ed invece non succede nulla fino al 20′, minuto in cui l’Alessandria passa in vantaggio. L’azione nasce da una palla che Marras sradica (fallosamente…) dai piedi di Palma, sul tocco dentro dell’esterno sardo, Evacuo appoggia a Gonzalez, che apre il piattone mancino e indirizza la sfera sul palo dove nemmeno super Cincilla può arrivare. E’ una mazzata pesante per un Renate spuntato, generoso ma con poche risorse per far male ad una corazzata come quella di Pillon. Prosegue la girandola dei cambi, Makinen colleziona la sua seconda presenza in campionato (al posto di Savi), mentre è Nicco la risposta dei padroni di casa, al posto di Iocolano. Ed è proprio il centrocampista ex Perugia ad esaltare i riflessi di Cincilla con un gran destro a giro dal limite su cui il numero uno nerazzurro è stratosferico. Le pantere rimangono in partita e fanno debuttare anche Giorgi, per aggiungere peso all’attacco. La sostanza però non cambia, perchè il finale è una corrida, dove si gioca davvero pochissimo. Tanti falli, gioco spezzettato, una manna dal cielo per i grigi, che ritrovano i tre punti in una serata molto complicata…

designazioni 36^ giornata

#AlessandriaRenate: la terna arbitrale

By on 18 aprile 2017

 

FIRENZE – Sarà il Sig. Fabio Piscopo di Imperia il direttore di gara di Alessandria – Renate, gara valida per la diciassettesima giornata di ritorno del girone A di Lega Pro per Unicef, in programma alle 20.30 di sabato allo Stadio “Moccagatta”. Il fischietto ligure sarà coadiuvato da Davide Imperiale di Genova e Massimiliano Magri della sezione di Imperia.

In foto, tutte le designazioni delle gare in programma tra sabato 22 e domenica 23 aprile 2017.

ALESSANDRIA-RENATE

By on 17 aprile 2017

 

ALESSANDRIA – La società U.S. Alessandria comunica che, già da sabato 15 aprile 2017 è attiva la prevendita dei biglietti relativa al settore Ospiti, che sarà gestita dal circuito BOOKINGSHOW.

La capienza del settore Ospiti è di 780 spettatori, e la vendita dei tagliandi sarà solo per i possessori di Tessera del Tifoso e/o S-Card.

La società U.S. Alessandria partecipa all’iniziativa dell’Osservatorio Nazionale denominata “Porta due amici allo Stadio”, dove i possessori della Tessera del tifoso e/o S-Card potranno acquistare un biglietto d’ingresso per un amico o due, che ne siano sprovvisti.

Il prezzo dei tickets per la gara nel settore Ospiti è di € 10,00.

I tagliandi naturalmente sono in vendita online sul sito di Bookingshow, oltre che nei seguenti punti vendita nella provincia di Monza e Brianza:

  • Bar Sottosopra , Corso Italia 24 – Meda
  • FELTRINELLI LIBRERIE MONZA , Via Italia 41 – Monza

 

17861913_1395419963855065_7987474033540715847_n

Il Renate gioca, la Pistoiese fa suoi i tre punti…

By on 13 aprile 2017

 

RENATE – PISTOIESE 0-1

RENATE (4-3-3): Cincilla; Mora (13′ st Santi), Di Gennaro, Malgrati, Vannucci; Dragoni (29′ st Graziano), Pavan, Palma (40′ st Mäkinen); Anghileri, Florian, Scaccabarozzi. A disposizione: Merelli, Schettino, Giorgi, Savi, Bizzotto. All. Foschi

PISTOIESE (4-4-2): Albertoni; Priola, Fissore, Boni, Zanon; Guglielmotti (10′ st Luperini), Hamlili, Benedetti, Sammartino (12′ st Colombo); Gyasi, Rovini (41′ st Colombini). A disposizione: Feola, Placido, Proia, Pandolfi, Minotti, Varano, Neuton, Tomaselli, Sparacello. All. Atzori

ARBITRO: Sig. Mastrodonato di Molfetta (Sig.na Carovigno di Potenza – Sig. D’Elia di Ozieri)

RETE: Rovini al 28′ st

NOTE: Giornata calda e soleggiata, terreno di gioco in discrete condizioni. Nessun giocatore espulso, ammoniti Zanon, Hamlili, Albertoni (P). Calci d’angolo: 9-2 Renate. Recupero: 1′ pt + 4′ st. Spetattori: 200 circa.

MEDA – Beffarda sconfitta – la seconda stagionale al “Città di Meda” – per il Renate, che fa la partita contro la Pistoiese, gioca un eccellente prima frazione, ma viene castigato al primo vero errore commesso. Rovini trova la zampata che consegna agli orange la salvezza, mentre le patere dovranno tirare fuori tutte le risorse rimaste per conbquistare un playoff che sembrava davvero ad un passo dopo il successo di Siena. Sia chiaro, gli uomini di Foschi restano ancora dentro l’ipotetica griglia di squadre che si contenderanno l’ultimo posto utile per la Serie B, ma bisognerà cercare punti pesanti negli ultimi 270′ di campionato, ovvero sia contro Alessandria, Como e Tuttocuoio.

Oltre a Bonetto, Teso e Marzeglia, anche Lavagnoli e Napoli non prendono parte alla gara contro la Pistoiese, in seguito agli infortuni muscolari patiti a Siena. Mister Foschi decide di ridare una maglia da titolare a Mora, con Anghileri che gioca nel tridente a destra, ed il consguente dirottamento di Scaccabarozzi a sinistra. Confermati i restanti 10/11 capaci di violare il “Franchi”. In casa orange, mister Atzori mette in soffitta il 3-5-2 e passa alla difesa a quattro, con Priola e Zanon sugli esterni, e Fissore preferito al rientrante Colombini. Davanti nessuna sorpresa, la coppia è Gyasi-Rovini.

Come detto, il primo tempo è un autentico monologo brianzolo. Si comincia al 2′, cross di “Scacca” per la testa di Florian, blocca Albertoni. Al 10′, l’unica (nitida) chance ospite: Gyasi semina il panico a sinistra e mette una palla d’oro per Rovini, che si fa respingere un vero e proprio rigore in movimento da uno strepitoso Cincilla. Al 20′, è Anghileri a sfiorare il vantaggio. Deviazione da dentro l’area piccola per il 26enne esterno sul cross di Palma, imbeccato nello spazio da un filtrante di Vannucci. A tu per tu con l’estremo difensore, Anghileri non riesce a superarlo. E’ solo corner per le pantere, che alzano i giri del motore e non danno ossigeno alla truppa di Atzori. Gli angoli si sprecano, il forcing è costante e pregevole, ma non arrivano i frutti sperati. Al 28′, sulla punizione dalla trequarti di Palma, Di Gennaro stacca più in alto di tutti, ma Albertoni con un guizzo felino la smanaccia sopra la traversa. Sugli sviluppi dell’ennesimo tiro dalla bandierina, la sfera arriva al limite a Mora, che non riesce ad inquadrare lo specchio di porta. Il terzino scuola Atalanta si fa vedere ancora qualche giro di lancette dopo, ma la precisione è quella che è, e la Pistoiese si salva nuovamente. Prima dell’intervallo però altre tre enormi occasioni da rete per i padroni di casa. Al 38′ è deliziosa la palla spiovente di Pavan, Florian anticipa Boni ma il suo colpo di testa si spegne su fondo per una manciata di centimetri. Ancora “Flo” sporca i taccuini al 41′, ma il sinistro dal limite termina alto. E’ Albertoni l’uomo in più degli orange: la dimostrazione giunge prima sulla staffilata dai 25 metri di Pavan al 44′, quindi puntuale allo scoccare del 45′, quando il portiere classe ’95 dice di no anche alla splendida sforbiciata tentata da un onnipresente Di Gennaro. Si va al riposo sullo 0-0, un vero affare per la Pistoiese.

Nella ripresa è ancora il Renate a partire col piglio propositivo di chi vuole assolutamente i tre punti. Il gran caldo, e la fatica per il quarto impegno in tredici giorni appanna le menti nerazzurre. Il forcing, seppur costante è meno ordinato. Fioccano cross a centro area, ma mai precisi per la testa di Florian, che si sbatte come un toro tra Fissore e Boni. Atzoiri dà il via alla “processione” dei cambi, inserendo prima Luperini, poi l’eterno Colombo al posto di Sammartino, e passando di fatto al 4-3-3. La replica di Foschi è Santi per Mora (bloccato da un problemino alla caviglia), con conseguente arretramento di Scaccabarozzi in mediana. Al quarto d’ora, Palma cerca la soluzione personale partendo da sinistra, ma Benedetti ci mette la testa sul cross indirizzato sul secondo palo, concedendo l’ennesimo calcio d’angolo ad un Renate che ci prva con estrema generosità. E la Pistoiese? Per rivedere gli ornage bisogna attendere il 18′, quando Colombo prova a sorprendere Cincilla da molto lontano, senza peraltro creare grattacapi al numero uno di casa. La spinta renatese perde intensità, ed il match torna sui binari del totale equilibrio, fino all’episodio che spariglia le carte. Gyasi anticipa secco Malgrati ed entra in area da destra, tempo di alzare lo sguardo e imbeccare il compagno di reparto Rovini, che col mancino in corsa porta avanti i toscani. Dopo qualche attimo di smarrimento, i nerazzurri provano a conquistare quanto meno un punto, ma sulla loro strada c’è sempre Albertoni, che dice no anche al missile di Santi alla mezzora esatta. Poco dopo Scaccabarozzi fa la torre per Di Gennaro, che si coordina bene ma manda il destro ancora di pochi centimetri sopra la barra trasversale. Non c’è davvero nulla da fare, e allora Foschi decide di far esordire Thomas Mäkinen. Per il centrocampista finlandese ecco finalmente la prima ufficiale in Lega Pro. Mastrodonato concede 4′ extra-time, ma la Pistoiese con furbizia ne “mangia” almeno la metà, e per le pantere è game over…

 

DESIGNAZIONI 35^ GIORNATA

#RenatePistoiese: la terna arbitrale

By on 11 aprile 2017

 

FIRENZE – Sarà il Sig. Vito Mastrodonato di Molfetta il direttore di gara di Renate – Pistoiese, gara valida per la sedicesima giornata di ritorno del girone A di Lega Pro per Unicef, in programma alle 14.30 di sabato allo Stadio “Città di Meda”. Il fischietto pugliese sarà coadiuvato da Cinzia Carovigno di Potenza e Gianluca D’Elia della sezione di Ozieri.

In foto, tutte le designazioni delle gare in programma giovedì 13 aprile 2017.

renate-pistoiese

#RenatePistoiese: info biglietti Settore Ospiti

By on 10 aprile 2017

 

RENATE – La Società A.C. RENATE comunica che la prevendita della della biglietteria relativa al Settore Ospiti sarà gestita dal circuito BOOKINGSHOW, www.bookingshow.com , dalle 12.00 di oggi, lunedì 10 aprile, alle ore 19.00 di mercoledì 12 aprile 2017 (con possibilità di opzione “print at home”).

L’A.C. RENATE comunica inoltre di aderire all’iniziativa “Porta un amico allo Stadio”.

In riferimento a quanto disposto dalla Lega Pro con la Circolare n. 37 del del 30 marzo 2009 ed alle disposizione impartite dal Ministero dell’Interno inerenti alla vendita dei biglietti “Settore Ospiti”, si comunica quanto segue:

La capienza Settore Ospiti è di n. 803 spettatori, e la vendita dei tagliandi per gli “Ospiti” sarà solo per i possessori della Tessera del Tifoso (Supporter Card),  protocollo d’intesa tra il Ministero dell’Interno, CONI, F.I.G.C., Lega Serie A, Lega Serie B e Lega Pro per la stagione sportiva 2016/2017.

I prezzi per le gare di campionato Lega Pro per Unicef 2016/2017 sono:

  • € 11,00 prezzo UNICO (comprensivo dei diritti di prevendita).

I tifosi della U.S Pistoiese che vorranno acquistare i tagliandi per il match di giovedì, potranno recarsi nei seguenti punti vendita:

  • Tabaccheria Pieri Nicola , Via Cividale 74 angolo Via Tripoli – Montecatini Terme
  • Bar Il Corallo di Sciorio Antonio & C. snc , Via Dalmazia 275/A – Pistoia
  • L’arte dello sport di Perriello Angelo , Via Tomasi di Lampedusa 149 – Pistoia

Entrata per i Supporters Ospiti allo Stadio “Città di Meda” situata in Via Vignazzola a Meda (MB), fermo restando provvedimenti di prescrizione della Prefettura di Monza.

Si invita pertanto la U.S. Pistoiese a divulgare tramite stampa locale o canali che riterrà opportuni, quanto riportato sopra, al fine di sensibilizzare i propri sostenitori.

anghi1

200 volte super “Anghi”!

By on 9 aprile 2017

 

SIENA – Con i 96′ di gioco macinati ieri allo Stadio “Artemio Franchi” di Siena, a 26 anni ancora da compiere (lo farà martedì), Marco Anghileri ha già raggiunto un traguardo personale di primissima importanza, vale a dire le 200 gare disputate in Lega Pro. Per l’esterno destro nativo di Valmadrera, 118 gare con la maglia del Monza (dal 2009/2010 al dicembre 2014), 15 in metà stagione (2014/2015) con l’Albinoleffe, ed infine 67 “gettoni” in due campionati con le pantere nerazzurre.

Da parte di tutto l’A.C. Renate, i più sentiti e sinceri complimenti ad “Anghi”, che siamo sicuri potrà raggiungere altri grandi traguardi in futuro!

scacac

#RoburSienaRenate 0-1: parlano Mr. Foschi e Scaccabarozzi

By on 8 aprile 2017

 

SIENA – Al termine di 96′ di dura battaglia, mister Luciano Foschi si presenta nella sala stampa del “Franchi” per analizzare il successo dei suoi ragazzi, il dodicesimo di questo campionato.

 

https://www.facebook.com/pg/acrenatecalcio/videos/?ref=page_internal

 

Quarto gol (pesantissimo) nel girone di ritorno, quinto in campionato per il nostro Jacopo Scaccabarozzi, che ha così parlato al termine di Robur Siena – Renate.

 

https://www.facebook.com/pg/acrenatecalcio/videos/?ref=page_internal

 

download

Ancora Scacca-gol, il Renate passa d’autorità a Siena

By on 8 aprile 2017

 

ROBUR SIENA – RENATE 0-1

SIENA (4-3-3): Moschin; Rondanini, Terigi, D’Ambrosio, Iapichino; Saric (1’ st Grillo), Guerri, Steffè (35’ st Stankevicius); Ciurria, Bunino, Vassallo (1’ st Yawo). A disposizione: Di Stasio, Ivanov, Panariello, Romagnoli, Ghinassi, Bordi, Freddi, Secondo. All. Scazzola

RENATE (4-3-3): Cincilla; Anghileri; Di Gennaro, Malgrati, Vannucci; Palma, Pavan, Dragoni (14’ st Lavagnoli); Scaccabarozzi, Napoli (26’ Santi, 31’ st Bizzotto), Florian. A disposizione: Merelli, Mora, Schettino, Graziano, Giorgi, Savi, Makinen. All. Foschi

ARBITRO: Sig. Gariglio di Pinerolo (Sig. Montanari di Ancona – Sig. Teodori di Fermo)

RETE: 47’ pt Scaccabarozzi

NOTE: Giornata calda e soleggiata, terreno di gioco in ottime condizioni. Espulso D’Ambrosio (S) al 48’ st per condotta violenta, ammoniti D’Ambrosio, Rondanini (S), Scaccabarozzi (R). Angoli: 5-3 Renate. Recupero: 2’ pt + 4’ st.

SIENA – Grande successo del Renate, che torna ai tre punti in trasferta – mancavano dal 23 dicembre a Olbia – grazie al blitz all’Artemio Franchi di Siena. Ci ha pensato “Scacca”, al tramonto di un primo tempo quasi tutto di marca nerazzurra. Nella ripresa, i ragazzi di mister Foschi non hanno mai rischiato, nonostante gli ultimi 15’ in inferiorità numerica per l’infortunio di Lavagnoli, che ha fatto il paio con quello di Napoli a metà primo tempo. Eccellente tenuta del campo, nervi saldi e quota 50 raggiunta in uno degli stadi più prestigiosi di categoria.

Nerazzurri col consueto 4-3-3, con la novità Scaccabarozzi nel trio d’attacco. A fargli posto è Lavagnoli,con Dragoni in mediana. Siena che deve fare a mano di bomber Marotta, ma anche Scazzola non rinuncia al suo 4-3-3, con Ciurria dal 1’ e Bunino a fare punta centrale. Recuperato in extremis D’Ambrosio, mentre Steffè prende il posto dell’acciaccato Gentile.

Pronti via, e dopo aver conquistato un corner dopo 30’’, la Robur riparte con la velocità di Vassallo, che si “sciroppa” 60 metri di campo prima di servire Ciurria sulla corsa. La palla è invitante, ma il sinistro pecca di precisione e si alza sulla traversa. Renate che impiega pochissimi minuti per prendere il controllo delle operazioni, con le corsie laterali (soprattutto la destra) molto ben sfruttate da Scaccabarozzi e dalle sovrapposizioni di Anghileri. I pericoli, per i bianconeri, arrivano soprattutto da lì. Il Renate però, come nel match di Tivoli, fanno tutto bene, salvo poi mancare sotto rete. E così, in qualche modo i bianconeri si salvano, facendosi vedere solo in ripartenza, come al 13’ quando Bunino scalda per la prima volta i guantoni di Cincilla. Al 25’ la prima tegola di giornata: Napoli va corpo a corpo con Terigi ma il bicipite femorale va k.o. e la sua performance finisce di colpo. Dentro Santi al suo posto. Si gioca ad alta intensità, nonostante un caldo notevole, e la sensazione è che sia il Renate ad avere più birra in corpo. La dimostrazione arriva in pieno recupero, quando di pura caparbietà Di Gennaro va sul fondo e porge un assist d’oro per Scaccabarozzi, bravo a far passare la sfera tra una selva di gambe e a trovare l’angolino. Il primo tempo non potrebbe chiudersi meglio per le pantere.

Scazzola non ha dubbi: dentrro Yawo e Grillo, Siena che passa al 4-2-4 per cercare di rimediare la situazione. Di fatto però, le idee scarseggiano, e la contestazione del pubblico – più rivolta alla dirigenza a dire il vero – non aiuta. Dietro poi, Malgrati e Di Gennaro guidano magistralmente una difesa che non prende gol da tre partite. Il primo cambio di Foschi è Lavagnoli per il solito, affidabile Dragoni, con conseguente arretramento di Scaccabarozzi in mediana. Al 20’ si fa vedere un encomiabile Florian (nel finale ha fatto reparto da solo), che al termine di una pregevole azione personale non riesce a dare la necessaria potenza al suo destro,  bloccato facile dall’ex Moschin. Decisamente più pericoloso “Flo” al 25’, quando sugli sviluppi di un corner incrocia di testa sfiorando il palo alla destra di Moschin. Anche la partita si Santi – si sta avvicinando ad una tenuta da 90’ – finisce, c’è bisogno della rapidità di Bizzotto per tenere in apprensione la difesa Robur. Ed in effetti, negli ultimi 10’ l’ex Cittadella e Feralpi sorprende la retroguardia di casa, mancando però in entrambi i casi il colpo decisivo che chiuderebbe le ostilità. Poco male, al terzo dei quattro minuti di recupero D’Ambrosio lascia i suoi in dieci per un bruttissimo fallo sull’imprendibile Scaccabarozzi. Le speranza senesi muoiono sul rosso estratto da Gariglio, da lì a pochi istanti inizia invece la festa nerazzurra. Playoff ora più vicini, grazie ad una prestazione davvero di elevata caratura. In attesa di riposare qualche giorno a Pasqua, le pantere si troveranno sulla loro strada la Pistoiese, giovedì pomeriggio alle 14,30 al “Città di Meda”.